LA STORIA

Nota per la sua bellezza misteriosa
, la sua eleganza selvaggia, le sue leggendarie proprietÓ terapeutiche, l'ALOE ARBORESCENS in alcune civiltÓ fu considerata una divinitÓ.

Chiamata "pianta della salute e della bellezza", "pianta delle bruciature", "pianta dei primi soccorsi", anche "pianta dei miracoli", ottenne la sua prima menzione storica nel 1500 a.C., nel papiro di Ebers.
Questi documenti egiziani descrivevano nei pi¨ minuziosi dettagli il valore medicinale dell'Aloe. Ritenuta la pianta il cui sangue donava bellezza, salute ed eternitÓ, la chiamavano la "pianta dell'immortalitÓ".

L'autore dell'Erbario greco, Dioscoride (41-48 d.C.), dice che la pianta ha il potere di "conciliare il sonno, fortificare il corpo, far dimagrire la pancia e purificare lo stomaco; pu˛ essere applicata in caso di ferite, emorroidi, mal di testa, caduta dei capelli, malattia della bocca e delle gengive, bruciature causate dal sole, malattie della pelle ed altre ancora.

Per gli imperatori della Cina mistica, le spinose foglie curative dell'Aloe personificavano le unghie sacre della divinitÓ; essi la chiamavano "Lu-Hui", ritenendola buona per la salute, la felicitÓ, l'amore, la longevitÓ e la potenza sessuale.

Nell'India veniva chiamata "scettro divino" le cui foglie indicavano il cielo. Gli indios americani la chiamavano "la bacchetta magica del cielo", facendo parte delle 16 piante sacre adorate come divinitÓ.

Nel Giappone la chiamavano "Isha Irasu", che significa "non ha bisogno di medico". Le trib¨ africane, durante le epidemie influenzali, si lavavano in infusi di Aloe per eliminare i virus.

Persino nella Bibbia: Vangelo di Giovanni 19,39.

VERDI ALCHIMIE - VIA VALLE DI PRUVINIANO 9 - 37020 SAN FLORIANO - VERONA
TELEFONO: 045 6801117 - EMAIL: verdialchimie@naturaloe.it
P.IVA: 03220380236 - C.F.: FBRBBR60M58F770X